Tecniche di stampa


Le tecniche di stampa sono molteplici e si differenziano fra loro per gli utilizzi, cura dei dettagli e costi.

Per alcuni prodotti possono essere utilizzate più customizzazioni; quale scegliere spesso dipende dal messaggio che l’azienda desira dare di sé ai propri clienti.

In questa breve guida cercheremo di sintetizzare pregi e difetti di ognuna di esse.

Doverosa premessa è che i limiti che sono descritti per ogni tipologia di stampa vanno a decadere per produzioni con tempi di consegna più lunghi (solitamente superiori ai 50 giorni).

Qui si descrivono pregi e limiti delle personalizzazione su prodotti già confezionati. Non è quindi la stessa cosa stampare una shopper in cotone già confezionato rispetto a personalizzare i fogli in cotoni che vengono solo successivamente cuciti insieme.

 

Serigrafia

La più conosciuta e la più utilizzata in assoluto.

La serigrafia è nata in Cina diversi secoli fa quando scoprirono che tenendo un foglio di seta su un telaio, strategicamente forato nei punti desiderati, lasciava disegni meravigliosi.

E’ rimasta simile nei secoli nonostante lo sviluppo tecnologico. Ad oggi viene utilizzata per stampare qualsiasi materiale e superficie piatta.

E’ particolarmente adatta per stampare: zaini, borsoni, abbigliamento, shopper in cotone, shopper in TNT e borse in polipropilene.


Vantaggi:

  • Lascia dei colori molto vivi e duraturi nel tempo;
  • E’ economica anche per ordine di grandi dimensione;
  • Si possono riprodurre i colori pantoni con precisione;

Svantaggi:

  • E’ possibile solo utilizzare le tinte piatte, le tonalità possono essere riprodotte solo a retino ma con limiti notevoli;
  • Ogni colore prevede un impianto;
  • Ogni colore prevede un passaggio e questo fa incrementare i costi.

Quando scegliere la serigrafia?

Sempre quando si tratta di stampare 1 o 2 colori di stampa.

Con più colori di stampa è sempre meglio calcolare le quantità di cui si ha bisogno; alte quantità rendono la serigrafia ancora la soluzione da preferire.

 

Stampa in digitale

Tecnica di stampa relativamente recente; esiste dal 1990 ed è diventata una tecnica usuale dal 2005 circa.

In questo caso il colore va direttamente nel caso ed è quindi impossibile sentire al tacco alcun tipo di rilievo.

E’ una tecnica di stampa che viene utilizzata soprattutto per abbigliamento e shopper in cotone.


Vantaggi:

  • Consente di riprodurre ogni singolo dettaglio e sfumatura;
  • Permette di riprodurre disegni o foto;
  • Non c’è una quantità minima perché non esige di nessun impianto di stampa.

Svantaggi:

  • E’ la tecnica di stampa più economica;
  • La durata della stampa è ridotto rispetto ad altre tipologie di stampa.

Quando utilizzare la stampa in digitale:

Sempre se si tratta di immagini o disegni con molti colori o sfumature. Ad esempio una foto è riproducibile solo con questo tipo di tecnica.

Indicata soprattutto per piccole quantità con diversi colori di stmapa; ad esempio 100 tshirt a 5 o 6 colori.

 

Transfer a caldo

Come dice il nome stesso si tratta di un trasferimento ad alte temperature; che cosa viene trasferito? Una pellicola di materiale plastico già stampato e ritagliato lungo i bordi.

Particolarmente indicato su prodotti dove è impossibile utilizzare le tecniche precedenti; ad esempio su uno zaino in poliestere, per motivi tecnici, non si possono stampare in serigrafia 2 o più colori e si utilizza quindi il transfer. Questo vale per tutti i prodotti in poliestere, come ad esempio: marsupi, borsoni o tracolle.

Attenzione quindi: il transfer a caldo può diventare spesso una scelta necessaria.


Vantaggi:

  • Tecnica molto semplice che permette di trasferire i colori ad alta definizione;
  • E’ una delle tecniche migliore per loghi molto complessi e colorati;
  • Per cose piccole è decisamente economico

Svantaggi:

  • E’ la tecnica forse più lenta nella realizzazione;
  • Non riproduce la vivacità dei colori come può fare la serigrafia;
  • I tessuti che non permettono il contatto con alte temperature necessitano di altre tecniche di stampa;
  • I disegni che si riproducono devono avere dei bordi ben chiari, possono tondeggianti ma definiti; per esempio gli spruzzi di un’onda non posso essere riprodotti con un transfer a caldo

Quando scegliere il transfer a caldo?

Sempre quando è impossibile utilizzare la serigrafia o la stampa in digitale.

 

Ricamo

C’è poco da dire sul ricamo, chi di noi non sa cosa sia un ricamo.

Il ricamo è spesso una decisione del cliente che preferisce ricamare il proprio logo piuttosto che stamparlo. Non è certo la tecnica di personalizzazione più economica ma è certamente quella che impreziosisce maggior mente un capo di abbigliamento o una borsa.


Vantaggi:

  • È la tecnica che arricchisce maggiormente un oggetto;
  • Ha durata molto lunga;

Svantaggi:

  • Le ombreggiature sono difficili da replicare e quindi bisogno fare delle modifiche la logo;
  • I testi molto piccoli o le immagini troppe compresse sono difficili da replicare, ci sono quindi dei limiti di utilizzo;

Quando scegliere il ricamo?

Il ricamo è una scelta mai obbligata. Si usa solo quando il cliente ha preferenze per il ricamo rispetto alla stampa. Dove? Sull’abbigliamento o su zaini o borsoni. Si devono sempre calcolare i costi del prodotto selezionato e del ricamo. Noi sconsigliamo sempre ai nostri cliente di ricamare su prodotti eccessivamente economici.

 

Tampografia

Il nome stesso ci suggerisce di cosa si tratta; si tratta di trasferire le immagini ed i colori tramite un processo di evaporazione di solventi e di tamponi di silicone. Probabilmente la tecnica di stampa più esclusiva quando è nata (sembra sia stata inventata in Svizzera per personalizzare i quadranti degli orologi), ad oggi è estremamente diffusa.

Permette di stampare qualsiasi superficie anche se convessa o concava.


Vantaggi:

  • Stampa di lunga durata;
  • E’ molto economica;
  • Si posso riprodurre i colori con una notevole dettaglio.

Svantaggi:

  • Si possono riprodurre le tinte piatte e non le sfumature;
  • Ogni colore di stampa prevede un impianto.

Quando scegliere la tampografia? Senza alcun dubbio quando abbiamo superfici concave o convesse. E’ proprio tramite questa tecnica di stampa che si personalizzano le penne o ogni altro oggetto che non presenti una superficie piatta.

 

Sublimazione

La tecnica più recente e più complessa. La personalizzazione avviene tramite macchinari che portano i coloranti da uno stato solido ad uno gassoso alla temperatura di 170°.

I prodotti vengono rivestiti di poliestere o nylon per permettere il passaggio del colore vaporizzato.


Vantaggi:

  • La stampa ha una durata molto lunga; il colore infatti entra nel materiale e ne va a far parte integrante;
  • Anti graffio;
  • Possibilità di trasferire un’alta gamma di colori.

Svantaggi:

  • Assorbimento del materiale del prodotto; non può essere utilizzata quindi su superfici nere o molto scure;

Quando utilizzare la sublimazione? Su materiali pretrattati con spay in poliestere o nylon o acrilico. Solo su superfici bianche. Spesso si sente parlare di sublimazione per le tazze personalizzate ma oggi ci sono sul mercato anche shopper o altre borse, pre trattate, che permettono di essere personalizzate con questa tecnica di stampa.

 

I nostri clienti


In pochi anni siamo riusciti ad acquisire diversi clienti in tutti i canali distributivi ed in diversi settori di appartenenza.


clienti BlueBag Italia
clienti BlueBag Italia
clienti BlueBag Italia
clienti BlueBag Italia
clienti BlueBag Italia
clienti BlueBag Italia
clienti BlueBag Italia
clienti BlueBag Italia
clienti BlueBag Italia
clienti BlueBag Italia
clienti BlueBag Italia
clienti BlueBag Italia